Social Media Corner - Social Media Corner

Social Media Corner di Luca Conti

RSS Feed

Il boom di Quora

L'articolo per Nova 24 di oggi, non uscito in edicola per sciopero dei giornalisti del Sole 24 Ore.

Tra Natale e Capodanno è esploso Quora, un nuovo servizio che
reinventa il modo di informarsi e diffondere conoscenza online. Attivo
da circa un anno, Quora ha visto un impennata di utenti grazie ad
alcune recensioni positive pubblicate da blog di primo piano –
TechCrunch e Robert Scoble – e rilanciate su Twitter. Dove sta la
novità? Louis Gray sottlinea tra aspetti: tecnologia, community,
rilevanza. Rispetto a Yahoo! Answers, Quora favorisce l’interazione in
ogni domanda pubblicata da un membro della community consentendo di
rispondere, di votare la migliore risposta, di commentare e modificare
qualsiasi contenuto, ringraziando gli utenti per le risposte più
utili.

Come Facebook, Quora richiede di partecipare dichiarando la
propria identità. E’ possibile porre domande in forma anonima, ma
l’utente è incentivato a presentarsi con nome e cognome, per
migliorare il proprio personal branding e dare credibilità alle
proprie risposte, inserendo una minibiografia per ogni tema in cui si
interviene. La rilevanza, contro spam e autopromozione, è incentivata
dall’azione stessa della community, che può affossare le risposte
promozionali e inutili. Una modalità di creare e diffondere conoscenza
condivisa alternativa a Wikipedia – prossima ai 10 anni di attività in
Italia – in cui è possibile seguire i temi e le domande che
interessano, con un follow simile a Twitter. In controtendenza, seppur
in chiave real time, Quora non vincola a risposte brevi, consentendo
quindi discussioni articolate.


La piattaforma, fondata da Adam D’Angelo e Charlie Cheever ex
Facebook, è al momento popolata da un pubblico prevalentemente geek.
In attesa di una internazionalizzazione, su Quora è al momento
possibile porre domande soltanto in lingua inglese, limitando quindi
il potenziale sviluppo, a vantaggio della rilevanza dei contenuti
generati dagli utenti.


Passata l’euforia, Quora sarà chiamata a confrontarsi con una
concorrenza agguerrita, da Facebook Questions a Yahoo! Answers, e
nuovi competitor sul fronte della lotta all’information overload. Con
11 milioni di dollari raccolti dal primo round da Benchmark Capital,
Quora ha benzina per crescere.