Social Media Corner - Social Media Corner

Social Media Corner di Luca Conti

RSS Feed

Prometeo e la rivoluzione dei media

Prometeo_2Casaleggio Associati traccia il futuro dei media con una video animazione provocatoria quanto visionaria: Prometeo e la rivoluzione dei media.

Una voce narrante nel 2051 racconta la storia di come i mondi virtuali siano diventati in cinquanta anni il più grande mercato economico globale e di come a dominare siano pochi giganti del web, fino al primato finale di Google.

Il crescente potere di Google nel mondo dei media, attraverso acquisizioni a ritmo continuo di società Internet, stimola la fantasia e prefigura, nei più timorosi, scenari da incubo.

Prometeo è infatti il prodotto finale di una concentrazione senza precedenti, che tutto comprendo in un mondo virtuale dove qualsiasi esperienza è possibile e monetizzabile, simile al passaggio di millennio di Strange Days.

Comunque la si pensi, il video di Casaleggio Associati è utile per riflettere sui rapidi cambiamenti che viviamo ogni giorno, spesso senza rendercene conto, e di qual’è la posta in palio. Se non oggi, molto molto presto. Il copyright è destinato veramente a morire? Internet diverrà l’unico canale di distribuzione di contenuti? I mondi virtuali sono il nostro futuro?

Casaleggio ha le idee chiare e tu?

VEDI: Prometeo e la rivoluzione dei media.

Commenti

Dici sul serio? Penso che questo video possa far riflettere sui "contro" dell'eliminazione del copyright così come viene prefigurato se non sbaglio intoro al 2020. L'assenza di diritti diventa diritto di appropriarsi di tutto, precondizione indispensabile per creare la company globale che viene battezzata Prometeus. Lascerei perdere gli stick di memoria, che fanno un po' Nirvana (quello di Salvatores) un po' Archimede Pitagorico, e penserei piuttosto ad aprire un discorso per capire se queste evoluzioni sono quello che ci aspettiamo, quello che vogliamo, o qualcosa che se si verificherà subiremo, alla faccia del "power to the people". Commento da zitella inacidita Riflettiamo pure sull'incubo, ma almeno usiamo uno speaker che non sembri Rutelli (please, visit Italy).
L'abolizione del copyright è un argomento delicatissimo, con molteplici aspetti. Il video credo voglia soltanto provocare una discussione. La tendenza ad allungare gli anni di validità dei diritti, da 50 a 70 anni, è decisamente in controtendenza. Una riduzione porterebbe dei benefici? Discutiamone.